NEWS: FISCO, DAL 1° LUGLIO SCATTA L’OBBLIGO DEL CONTRADDITTORIO PREVENTIVO

 In NEWS

Il contraddittorio preventivo rappresenta un elemento essenziale e imprescindibile del giusto procedimento che legittima l’azione amministrativa così come previsto dall’art. 12, c. 7, L. n. 212/2000 secondo cui “dopo il rilascio della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo, il contribuente può comunicare entro sessanta giorni osservazioni e richieste che sono valutate dagli uffici impositori.  L’avviso di accertamento, pertanto, non può essere emanato prima della scadenza del predetto termine, salvo casi di particolare e motivata urgenza”

La Legge 28 giugno 2019, n. 58 di conversione del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, recante “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”, ovvero del cosiddetto “Decreto Crescita”,  ha inserito nel nostro ordinamento una regola generale sul contraddittorio procedimentale tributario

Dal prossimo 1° luglio, il contraddittorio preventivo sarà obbligatorio per alcune tipologie di controlli, ossia per la definizione degli accertamenti in materia di imposte sui redditi e relative addizionali, contributi previdenziali, ritenute, imposte sostitutive, imposta regionale sulle attività produttive, imposta sul valore degli immobili all’estero, imposta sul valore delle attività finanziarie all’estero e imposta sul valore aggiunto.

Con la Circolare n. 17/E del 22 giugno 2020: “Obbligo di invito al contraddittorio. Art. 4-octies del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34. Chiarimenti”, l’agenzia delle entrate fornisce tutti i chiarimenti, dall’ambito applicativo ad ampio raggio delle nuove regole ai casi di esclusione, dell’istituto contraddittorio preventivo.

l’Agenzia incoraggia il ricorso al contraddittorio preventivo, quando possibile, anche nei casi non obbligatori.

l’avviso di accertamento deve essere motivato con riferimento ai chiarimenti e ai documenti forniti dal contribuente. L’esito del contraddittorio diventa quindi protagonista e costituisce parte della motivazione dell’accertamento”.

 

visualizza-e-scarica-la-circolare-a.d.e.-17-del-22-giugno-2020